• +39 338 647 8027
  • DISPONIBILE ANCHE SU WHATSAPP

Spezzafame

Vuoi fare un break con cibo sano che ti renda anche sazio?

Ehi tu. Sì, parlo con te. Te che sei seduto a quella scrivania, aspettando, con i crampi allo stomaco, che arrivi l’ora di pranzo o di cena. Sapevi che puoi fare due spuntini al giorno? A metà mattinata e a metà pomeriggio? Ti mostro quale sono i migliori cibi-snack con cui fare un break e vedrai che non sentirai la mancanza di quelle merendine ipercaloriche, che fanno tanto male al tuo organismo e che non riescono nemmeno nel loro intento: farti sentire il senso di sazietà. Il potere saziante rappresenta l’essere in uno stato di pienezza gastrica, che si verifica quando introduciamo cibo nel nostro organismo; è molto importante anche dal punto di vista psicologico perché permette di interrompere  pasto comunicando al nostro cervello di essere sazi.

Ogni cibo ha il suo potere saziante: i cibi grassi, per esempio, hanno un basso potere saziante poiché concentrano un elevato potere calorico in un volume molto ridotto; però, i lipidi favoriscono il senso di sazietà a lungo termine. Un consiglio: se si associa un po' di olio d'oliva a un piatto di pasta, di carne o di verdura, si ottiene, come effetto, non solo il bilanciamento del pasto dal punto di vista nutrizionale, ma anche il rallentamento della comparsa dei primi sintomi e crampi della fame. Vuoi sapere quali sono i cibi spezzafame? Leggi i miei consigli e vedrai che avrai voglia di provare subito uno dei seguenti spezzafame. Ne sono convinta. Scommettiamo? Iniziamo…

Cibi spezzafame con potere saziante: eccone alcuni

Per prima cosa, potresti optare per uno yogurt greco, fonte di proteine (150 grammi apportano circa 130 calorie e ben 11 grammi di proteine) e con pochi zuccheri, a differenza degli altri yogurt in commercio. Potresti fare uno spuntino anche con i fiocchi di latte, poche calorie e molte proteine: è un eccellente snack. Fidati. Per gli amanti degli ortaggi, della verdura e della frutta, o per chi sta seguendo una dieta ferrea e rigida, consiglio i bastoncini di sedano, con pochissimissime calorie (20 kcal per 100 g, praticamente una sciocchezza), ricchi di fibre e acqua, che ti aiutano a sentirti sazio; oppure potresti fiondarti sulla frutta: quella fresca, consumata in una macedonia, frullata o in altri modi tu voglia (se è con la buccia, meglio ancora, perché, in questo modo, si assumono tutte le fibre del frutto, abbassando, così, il livello di zuccheri assimilati), è al vertice della piramide degli snack sani e sazianti; e quella secca, come noci, mandorle, nocciole, pistacchi…, che, in modo genuino, ricarica le tue energie. Attenzione a non esagerare, perché oltre a essere ricca di fibre e di sali minerali, la frutta secca è anche molto calorica! Alcuni nutrizionisti consigliano come un ottimo spezzafame anche venti olive verdi (piccole): forniscono circa 85 calorie, abbassano il colesterolo totale e aiutano a innalzare quello buono; un consiglio per le donne: le olive rappresentano un ottimo alleato nella prevenzione dell’invecchiamento e delle smagliature.

Per coloro che non possono fare a meno della carne, è consigliata, come snack, la bresaola: 100 grammi di bresaola apportano solo 150 Kcal e puoi accompagnarla anche con qualche, non tante eh!, galletta o UNA fetta di pane integrale e vedrai che spuntino! E se la fame ti assale la sera, dopo la cena? E se i crampi allo stomaco ti svegliano durante la notte? Non entrare in panico. Può capitare che dopo il pasto serale vi sentiate ancora affamati. Di tanto in tanto, soddisfare un desiderio impellente di cibo va bene, a patto che non diventi un'abitudine. Invece di consumare uno snack, però, si consiglia di bere una tazza di tè alle erbe o del latte di mandorla caldo con curcuma e cannella. Se proprio il tuo stomaco chiede giustizia, puoi concederti uno snack, optando per i carboidrati "buoni", grassi sani e proteine, ad esempio cereali integrali e ricchi di fibre. C'è chi consiglia il muesli; avena, fonte di carboidrati integrali, e frutta secca, fonte di carboidrati e zuccheri naturali, come i pistacchi, per l'alto contenuto di proteine e fibre: "les jeux sont faits", il tuo spuntino serale è pronto! Un consiglio: i cibi e le bevande contenenti caffeina, quali caffè, tè, andrebbero evitati alla sera - la caffeina non è un buon alleato per conciliare il sonno. Meglio la melatonina, soprattutto per chi soffre di insonnia.

Non solo cibi, ma anche acqua!                                      

Vorrei aprire una parentesi: non dimentichiamoci dell’acqua, assolutamente! L'acqua è una componente essenziale per l'uomo perché è in essa e grazie a essa che avvengono le attività metaboliche. È grazie all’acqua che, per esempio, l'ossidazione dei grassi viene facilitata. In un individuo disidratato, la lipolisi, meccanismo utilizzato dall'organismo per decomporre i grassi, rendendoli assorbibili e utilizzabili, verrà ostacolata e rallentata. Se, però, accantoniamo, ma non abbandoniamo, l’idea del metabolismo e ci concentriamo sul sentirsi sazio, l'acqua dovrebbe essere messa al primo posto! Non dovrebbe essere bevuta non solo a pasto, ma anche durante il resto della giornata, evitando di introdurre ulteriori calorie, semplicemente bevendo bibite o succhi di frutta (c’è chi parla di 100%, ma non fidatevi del tutto e bevete acqua, per non rischiare).

 

TORNA IN CIMA